La televisione di Second Life

Lavorare in televisione è facilissimo: basta inviare una propria foto per rivedersi nel piccolo schermo come protagonista di un talk show o di una soap opera.

In forma “proiettata” di avatar.

E’ la tv degli alter ego, derivazione italiana di Second Life , il mondo parallelo su internet popolato dalle ombre digitali di milioni di internauti che vivono per loro milioni di seconde vite.

Più appaganti o comunque diverse da quelle reali.

L’emittente è stata creata su Web dai creativi dello studio comunicazioni visive.net , guidato dal regista italo-americano Tony Digrigio, avatar dell’umano Federico Ajello.

Il suo eloquente slogan è: “Come una tv vera, solo che è finta”

Per ora trasmette programmi che raccontano la realtà di Bologna, città dei suoi artefici, ma conta di ampliarsi in un network nazionale coordinato da redazioni dislocate in ogni città.

Ci sono telegiornali, talk-show, soap opera, dove l’ironia e la satira non mancheranno e chiunque ha un progetto, un’idea creativa della quale parlare potrà, se l´argomento viene ritenuto valido, diventare protagonista e, come rassicurano gli ideatori: «non dovrete procurarvi un avatar (l’alter ego virtuale), la vostra versione 2.0 ve la realizzeremo noi».

“Come racconta Tony Digrigio «Microposse Tv è una vera e propria Web TV con un suo palinsesto. L´intento è dare visibilità a fenomeni creativi e culturali della nostra città»”.

“Ma come avviene la trasformazione da esseri umani ad avatar in tre dimensioni? «E’ semplice basta inviare una foto frontale a labbra chiuse, il resto lo facciamo noi. E nel caso dei talk show, il protagonista invia anche un file con le domande e le risposte e così, almeno per una volta, l’ideatore di un progetto ne potrà parlare liberamente. Ci saranno anche le comparse, il pubblico, e attenzione, chiunque potrebbe ritrovare il proprio avatar tra di loro!»”.

Una Risposta to “La televisione di Second Life”

  1. Fabio Says:

    Interessante…
    Second life è sempre un ottimo punto d’osservazione che riflette, in maniera abbastanza sincera, le abitudini della gente.
    Ho letto di articoli, in cui si analizzava l’economia di second life e di come certa gente sia riuscita a diventare milionaria nella vita reale, creando oggetti virtuali.
    Qualche tempo fa alcuni terrorristi del Eta, hanno organizzato un attentato su second life per attirare l’attenzione sulla liberazione di un loro militante.

    Secondo me, second life è un esempio lampante di come si evolveranno i nuovi media o almeno è un ricettacolo di nuove idee ^^

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: